NATUROPATA RIFLESSOLOGA CARPI - MODENA - REGGIO - ANTONELLA ANCESCHI Il naturopata è una figura professionale che educa alla prevenzione in modo olistico.
Home » Articoli » LE NOTE OLFATTIVE DELL'OLIO ESSENZIALE DI LAVANDA

Articoli

LE NOTE OLFATTIVE DELL'OLIO ESSENZIALE DI LAVANDA

LE NOTE OLFATTIVE DELL'OLIO ESSENZIALE DI LAVANDA - NATUROPATA RIFLESSOLOGA CARPI - MODENA - REGGIO - ANTONELLA ANCESCHI

Per iniziare la settimana , portando una nota olfattiva di riequilibrio interiore , vorrei parlarVi degli oli essenziali , cioè di quelle sostanze volatili e odorose delle piante estratte in corrente di vapore per mezzo della distillazione.

Si tratta di un prodotto davvero raffinato della pianta che si colloca tra la materia e l'espressione dello spirito, il punto di contatto tra i due regni. I profumi del regno vegetale sono legati alle nostre memorie più antiche e suscitano in noi ricordi primordiali , agendo sul sistema olfattivo e limbico.
Stimolano tutte le funzioni neurovegetative, la memoria, la sensualità, le emozioni , il sistema respiratorio e digestivo.
In aromaterapia vanno utilizzati con parsimonia: 2 gocce in una lampada ad aromi o nel diffusore sono sufficienti a lavorare in profondità , per risvegliare il nostro inconscio. La casa profumata al naturale rappresenta la nostra isola di salute psicologica e fisica. 
Vi consiglio di utilizzare sempre oli essenziali biologici , puri al 100% , a maggior ragione per utilizzo interno e , se desiderate massaggiarli sul corpo, dopo aver verificato di non avere allergie agli oli che utilizzate , di veicolarli sempre ad oli di base con proprietà nutritive e di cura della pelle quali per esempio l'olio di mandorle dolci, l'olio di germe di grano, l'olio di jojoba, per citarne alcuni. 
Il loro uso è estremamente versatile come antisettici (menta, pino, limone, origano, cannella, tea tree) , antalgici e calmanti 
( camomilla romana, lavanda, verbena odorosa, ylang ylang, arancio, mandarino) , espettoranti e mucolitici (pino, alloro, eucalipto, ginepro) , digestivi (finocchio, arancio amaro, menta, verbena odorosa) , riscaldanti nel trattamento di rigidità muscolari 
( rosmarino, cannella, pepe nero) 
In questo periodo di passaggio, dall'estate all'autunno, alcuni di voi mi dicono di soffrire di insonnia, agitazione e nervosismo. Un buon aiuto dalla natura ci viene offerto dall'olio essenziale di lavanda, il cui nome botanico è lavandula angustifolia, che rappresenta un sedativo del sistema nervoso centrale, per calmare l'ansia e la tensione. Potete versarne 2 gocce sul cuscino prima di coricarvi , oppure massaggiare le tempie per favorire la distensione e , in caso di dolori e coliche , massaggiare l'addome.
 Le principali proprietà sono antispasmodiche, decongestionante, rilassante, antidepressive, analgesiche: una vasta gamma di utilizzo per accompagnarci in modo dolce nel cambio di stagione.

Autrice Dott.ssa Antonella Anceschi, Naturopata 

29-01-2016 commenti (0)